Ti occupi dei radicali liberi? Inserisci un contenuto REGISTRATI GRATUITAMENTE!





caduta dei capelli
caduta dei capelli

L’astressina-B, la molecola che previene la caduta dei capelli: da Los Angeles arrivano nuove ricerche

Un recente sondaggio ha rivelato che il 60% degli uomini tra i 20 e i 40 anni ha paura di perdere i capelli. Questa “paura” si può ricollegare ovviamente all’idea che i capelli siano ideale di bellezza vero e proprio mentre la calvizie rappresenti una sorta di invecchiamento precoce. Proprio per questo sono in tanti che utilizzano trattamenti estetici per i capelli che possono andare dal comune shampoo alle fiale da applicare una volta alla settimana.

Ma questi strumenti funzionano davvero contro la calvizie? Sicuramente aiutano, possono ravvivare il capello ma di certo non possono cambiare la genetica. Oltre ad una ereditarietà del problema e ad una predisposizione genetica, è lo stress quello che influisce maggiormente sulla perdita dei capelli e il trapianto di capelli rimane l’unica soluzione concreta per potersi permettere una chioma folta e robusta.

Le ricerche nel campo della ricrescita dei capelli, però, non mancano mai e alcuni ricercatori della University of California di Los Angeles hanno individuato una molecola che riesce a rivitalizzare i follicoli piliferi, quelli che potremmo definire come la vera radice del capello. La molecola è l’astressina-B ed essa riesce anche a fermare un altro grave problema legato allo stress, l’alopecia, un fenomeno che comporta la perdita di capelli in una zona precisa del capo.

Per ora la molecola deve ancora essere studiata a fondo per capire se può essere utilizzata mediante trattamento estetico o come trattamento medicamentoso sul cuoio capelluto. Prevenire la perdita dei capelli, evitando situazioni stressanti o prodotti troppo aggressivi si po’, ma per risolvere dal fondo il problema le tecniche giuste sono sempre quelle sperimentate a lungo e definite “più sicure”. Un centro di ricrescita capelli si occupa del capello con diverse nuove metodologie per dare ad ognuno il giusto rimedio per le personali esigenze.

La strada da percorrere è lunga ma è certo è che, ad oggi, lo studio della molecola astressina-B sarà un altro importante passo nel campo della medicina estetica d’avanguardia.


Ti occupi dei radicali liberi? Inserisci un contenuto REGISTRATI GRATUITAMENTE!

  • Login
  • Registrazione gratuita
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy